SENSORIAL MARKETING?

La pausa pranzo spesso mi porta a gironzolare per i negozi che restano aperti (particolarmente in estate, permettendomi di approfittare delle loro arie condizionate). Questa primavera estate però c'è un negozio che proprio non riesce ad avermi, se non a fatica. La BENETTON. Ci hanno messo mesi a completare il restyling di questo mega store di Bologna, 4 piani di negozio che mi aspettavo completamente rivisitati e invece cosa mi ritrovo? Più o meno le stessa logistica di prima (hanno spostato le casse, WOW) e... udite udite.. del gran profumo. Anche troppo, troppo intenso e nauseante. Soprattutto in questa stagione, in cui i condizionatori sbattono l'aria facendo circolare la "fragranza". Da farti scappare prima di concludere l'acquisto. Ora io dico. Non è che se Abercrombie funziona alla grande e la gente fa la coda per comprarsi la solita felpa identica da sempre, è grazie al profumo che gli assistenti di negozio spruzzano quà e là.
Pensavate fosse così??? Ecco, vi chiarisco il dubbio: NON E' COSI'. Non basta quello. Potevate almeno copiare non solo il profumo, ma magari anche "l'addetto deodoratore" (immagino la maggior parte dei miei lettori un giretto da A&F se lo sia fatto e certamente sappia di cosa sto parlando...)


Ecco la divisa ufficiale degli assistenti di A&F (per chi se la fosse persa)


Foto indicative dei requisiti essenziali per diventare "deodoratore" di A&F
E poi io dico: BENETTON, ma ci sei o ci fai? Praticamente sei il marchio italiano della maglia colorata per eccellenza (se escludiamo Missoni o Pucci, che lavorano diversamente e per una fascia di utenza differente). Ricordiamo tutti le sue pubblicità dai forti contrasti, i colori sgargianti mixati:

Autunno Inverno 2010

Primavera Estate 2009

A volte le loro scelte di colore sembravano quasi incomprese di fronte alle scelte cromatiche dettate dal sistema moda. Ma indubbiamente Benetton manteneva la sua identità. Ora. Quest'anno è stato decretato l'anno del mitico color block e da Prada fino a Zara abbiamo assistito ad accostamenti di colori pressochè impensabili fino all'anno scorso, se non.... se non da Benetton, che li ha sempre proprosti. Ebbene. Avete dato un'occhiata ai colori chiave della collezione Benetton di questa stagione? Ehm...verde malva, nocciola, rosa antico, geranio sfiorito, giallo tenue, beige, bianco sporco, azzurro cinereo. ALLORA?????

Va bene essere lenti alle risposte dei dettami della moda, va bene che non tutti riescono a pilotare le loro collezioni praticamente last-minute...però...tu Benetton avevi già il telaio pronto col filo giusto! E hai sbaraccato tutto. Incredibile. Dev'esserci un genio al reparto stile. Oppure... certo, potrebbe ragionevolmente essere caduto un barile di candeggina sui tessuti pronti per la collezione P/E. Preferisco pensare così. Ah, adesso ho capito. Era candeggina profumata...

11 commenti:

  1. effettivamente ho notato anche io la profusione di colorini spenti, ma non solo da Benetton, tant'è che mi sono chiesta se questa fosse davvero l'estate dei colori. Anche da Manila Grace sono tutti così smorti, ma credo che questa linea abbia una storia a sè, è specializzata in articoli smorti che costano un occhio della testa. E vogliamo parlare della mia tuta presa nel negozio - ahimè - sponsor della Chiareccia? Anche quella non è certo vivacissima (ma sempre comunque meglio del color vomitino di gatto!)

    RispondiElimina
  2. Ciao cara!! Che forte questo post :) Mentre descrivevi il profumo da Benetton ho giusto pensato "hanno copiato da Abercrombie&Finch", solo che gli è riuscito male :D
    Insomma, quest'anno hanno proprio sbagliato tutto...

    PS: ma quindi la borsa Zara era troppo pesante?

    RispondiElimina
  3. ma come io volevo vedere te e tu mi metti i maschioni di quell oscuro e inutile negozio :(

    RispondiElimina
  4. concordo al 2000%!!! :D

    La Benetton ultimamente ci azzecca poco!! E poi... mi sa che devo fare un giretto da Abercrombie&Finch!!!!!!!! Non ci sono mai stata, ho visto solo su web foto come quelle che hai postato tu e... ne vale la pena!! :D

    RispondiElimina
  5. Amica mi hai fatto morire dal ridere con questo post!!
    Davvero da Benetton spruzzano profumo nello store?!?
    Comunque sono proprio tonti, dopo tutto quel color block ante-litteram mi vanno a puntare sui colori cacchetta proprio quest'anno?!?
    E riguardo a A&F ho ben presente i ragazzoni super palestrati però ti devo confessare che quel negozio lo odio: il buio pesto e la musica a palla mi traumatizzano e poi hanno dei prezzi assurdi considerato che vendono esclusivamente robe da boscaiolo!!!
    Baci tesora :-***

    RispondiElimina
  6. @ValeF: sì, è vero, Manila Grace è un negozio "smorto ad vitam" da vera depressione. Ma la tua tuta non è smorta! OK, non sarà un colore fluo, ma è colorata! di un bel turchese...e non vedo l'ora di vedere come la abbinerai! ciao bella! msbx

    @verdementa:sì si sono sbagliati proprio alla Benetton. Per la borsa...purtroppo, mi si spezza il cuore ad ammetterlo, ma è pesante. O meglio: se la usi per una passeggiata e ci butti dentro giusto solo portafogli e telefono, OK, ce la puoi fare. Ma per andare in ufficio, con tutte le cose che servono diventa davvero un peso. Anche sull'autobus ingombra, e da seduta ti tocca tenerla sulle gambe, ma non piegandosi, praticamente tinei in braccio una tinozza che ti impedisce di fare ogni altra cosa! 'nzomma. Bella è bella, complimenti a ZARA, ma troooooppo scomoda. Bacio, msbx

    @ivabellini:hahaah. Questa volta io non ci sono giaggià...avevo voglia di condividere questo mio giudizio. In effetti anche a me dicono poco questi giovinastri...troppo giovini, troppo insipidi. Che se ne stiano nel loro negozio buio! a presto, msbx

    @Lela: ciao cara! mi fa piacere tu condivida. Speriamo che la Benetton si ripigli!! Abercrombie e la sua fauna ti aspettano... ;-) bacio! msbx

    @BaiLing:ehe...in effetti quando sono ispirata da un pensiero poi mi viene bene lo scriverne e parlarne..:-) Sìsì spruzzano credo, il loro profumo... Io da A&F ci sono entrata una volta a Milano (mentre prima quando ero all'estero ci andavo sempre per prendermi qualcosa!). Forse è arrivato qui che la mia stagione "preppy boscaiola" era già passata. Confermo musica troppo alta e buio pesto, non accettabile nei negozi. I prezzi sono davvero assurdi. Con la mia amica però avevamo notato che una felpa delle misure più grandi da bimba andava benissimo, era identica a quella da adulto ma....costa la metà! Vale la pena provarla. Bacio bacione a te! msbx

    RispondiElimina
  7. Ogni tanto mi capita di notare sulle riviste qualche pezzo loro che starebbe bene nel mio armadio, ma ogni santa volta, che io mi rechi in Duomo o in c.so Vittorio Emanuele, rimango delusa, non solo perchè del pezzo in questione neanche l'ombra, ma anche facendo uno sforzo non trovo nulla di comprabile! Come dice mio marito meglio che si continuino a concentrare sul business delle autostrade!

    Gea
    ----
    geakaren.splinder.com

    RispondiElimina
  8. Le pubblicità Benetton mi piacciono, il mio cappotto Benetton del 98 mi piace, le mie magliette Benetton degli anni 80 mi piacciono, ma... l'altro giorno sono entrata in Benetton a Milano, e ho avuto un'impressione di cheap, ma di cheap, ma di cheapissimo! Di triste, di tristissimo! Luce messa male, pulizia messa male, comesse messe male (false bionde, peggio della polvere nei camerini), tessutti messi male (ok che la qualità non deve essere Pucci, ma ora Pimkie mi fa meno tristezza), sai questi tessutti con un sacco di froufrou e dettagli che fanno signora volgare che compra solo sulla via principale. C'erano pure un paio di cose che mi interessavano, ma se le avessi comprate, mi sarei portata dietro lo squallore del Benetton 2011. Le ho rimesse a posto loro, promettandomi di non entrare mai più in quel negozio.

    RispondiElimina
  9. Per me l'hanno fatto apposta, per differenziarsi, proprio perché tutti gli altri hanno fatta loro la "filosofia" del color block.
    Anzi, se posso dire la mia, io sono già stufa di tutti questi aggressivi colori primari.

    RispondiElimina
  10. concordo!

    http://nonsidicepiacere.blogspot.com

    RispondiElimina

Chi è passato per il tè...

Powered by Blogger.