MY SUMMER PACKING TIPS! Cosa metto in valigia.

Le vacanze si avvicinano ed i giorni scorrono veloci.
Sto preparando mentalmente i bagagli, trascrivendo sul mio adorato notebook Moleskine liste e liste di cose ancora da comprare, abitini da non scordare, beauty essentials, sperando di non scordarmi nulla!
Quest'anno niente frescura del nord europa, ma ci spiaggeremo sulle coste sarde cercando di riposare un po'. Un po' mi manca l'idea dei nostri giretti cittadini (trovate i resoconti delle vacanze 2012 da qui  e nei post successivi per Cornovaglia e Devon), ma mi consolo con il fatto che tra fine settembre e inizio ottobre la tutt'altro che perfida Albione accoglierà di nuovo i suoi sudditi mancati... :-D

 Vacanza per me vuol dire tra le prime cose lettura. Durante l'anno trovo sempre meno il tempo di leggere e quindi aspetto le ferie anche per questo. Le mie scelte di quest'anno? Eccole, fresche fresche di libreria...



Io adoro i gialli e, come ormai saprete visto che ve ne parlo sempre, adoro la collana I Bassotti di Polillo Editore, che va a scovare romanzi gialli inglesi e americani degli anni '40 per lo più inediti in Italia. 
Ho scelto l'ultimo uscito, Morte al Castello, e non vedo l'ora di iniziarlo!

In estate poi (ma anche durante l'anno cerco di non perdere l'allenamento) mi piace leggere anche in lingua originale e quest'anno ho scelto un nuovo romanzo ed uno che invece avevo già letto anni fa in italiano, ma che ho adorato e che adoro, La famiglia Winshaw di Jonathan Coe (What a Carve Up, nella verisone originale).
Il nuovo romanzo, sempre giallo, invece è un testo che mi incuriosiva da quando è uscito, The Casual Vacancy, il primo libro "per adulti" della Rowling. Ho letto giudizi discordanti a proposito ma lo stile di scrittura della Rowling mi piaceva ai tempi di Harry Potter, quindi stiamo a vedere.

Durante i primi weekend lunghi estivi che ho fatto a luglio non ho potuto fare a meno di leggere il tormentone di quest'estate che per fortuna non riguarda alcuna sfumatura di colore! Si tratta del romanzo La verità sul caso Harry Quebert, del giovane Joel Dicker.


Un giudizio? Un buon passatempo per l'ombrellone, parlare di caso editoriale mi sembra esagerato. La lettura è piacevole, se si prende per ciò che è, e le pagine scorrono in fretta. Non mancano inesattezze, discorsi scontati ed imprecisioni, ma a me è piaciuto.
E' un po' come quando uscì Il Codice Da Vinci: non posso dire che non mi sia piaciuto, ma da lì ad osannarlo ce ne vuole. E' un buon lavoro di fiction. Voi lo avete letto? Che ne pensate?

Se parliamo di vacanze al mare, non possiamo non parlare di... bikini! E un posticino in valigia per loro è d'obbligo, magari con una new entry rispetto agli anni passati, nella speranza di riuscire a buttare quelli più vecchi (io mi affeziono anche ai bikini, che ci posso fare?).


I costumi Tezuk sono la mia certezza e li adoro, non potrei farne senza! E sono loro fan da tempi non sospetti, da prima che diventasse un marchio super trendy: il mio primo Tezuk, che poi è quello color turchese nella foto qui sopra, lo presi a Milano da Guendalina, stupendissimo negozio di Via Ponte Vetero, nel lontano 2005 credo, se non prima. Ed è ancora perfetto, non ha perso elasticità, forse solo un pochino di colore. Valgono davvero ogni minimo euro speso. 


La new entry di quest'anno è di Calzedonia. Quest'anno il blu pavone mi ha stregata e non sono riuscita a farne a meno! E' a fascia, con una lavorazione in pizzo stile macramè (come anche le ultime collezioni Tezuk). Il colore è più acceso che in foto, ed è morbidissimo. Esiste in altre varianti di colore, come il verde militare (che ha preso mia sorella) e il rosa, e fa parte della fascia basic di Calzedonia, che non è scontata ma ha prezzi piuttosto contenuti. 


Quando penso al beauty per le vacanze, sarei tentata di scaraventare tutta la mia minuziosa collezione in una borsona e portarmi tutto dietro, ma negli anni ho imparato che una volta in vacanza, per me truccarmi è solo una fatica e tendo a lasciare perdere.
Il rischio poi, quando si va in posti caldi, è magari di vedere rovinati dei rossetti preziosi a cui siamo affezionate (ed abbiamo pagato profumatamente). 
Così quest'anno ho deciso di portare con me rossetti low cost, in modo da non temere che si rovinino anche se si trovassero dimenticati nella borsa da spiaggia.
Oltre ai già osannati su Instagram Essence della collezione Tribal Summer, che sono riuscita a trovare sia nella tonalità rosso che in quella fucsia (li avete provati? sono fantastici!!! a me ricordano come qualità i MAC, e ho detto tutto), porterò con me in tonalità più naturali un matitone di Catrice, altra ottima marca low cost - ha una scrivenza simile ai primi chubby stick di Clinique per intenderci, quelli meno pigmentati - ed un rossetto lucido della Revlon, in tonalità macaron, un rosa scuro quasi identico alle mie labbra.

dalla mia gallery su Instagram
Avete poi provato i nuovi smalti effetto gel? A me piacciono molto quelli di Pupa e quelli di Collistar, hanno una tenuta ed una brillantezza superiore ai normali smalti.
Per le serate calde estive a guardare le stelle, non mancherò di portarmi una Yankee dal profumo super estivo, Waikiki Melon... così un po' per ricordare le amatissime Hawaii (evviva quest'anno si va in auto e posso stipare tutto ciò che vogliooooo! ;-P ).

Abbigliamento: la nota dolente. Sto cercando in tutti i modi di rivedere e snellire le mie liste abbigliamento sul moleskine, in modo da avere dei capi completamente abbinabili e versatili. Le parole d'ordine sono tessuti freschi, colori chiari, praticità. Niente tacchi alti, ma giusto una zeppa Castaner per la sera color argento. Non mancherà un paio di short in jeans ed un abitino passepartout, che ho scelto di Pull & Bear, color verde oliva con dei ricami sulla pettorina ed il resto in cotone.




Ormai ci siamo... le vacanze sono vicinissime! Voi vi farete trovare preparati? 

***

4 commenti:

  1. Anche io zeppe argentate in valigia per la sera, pazzesco che passpartout siano. Buona vacanza!

    RispondiElimina

Chi è passato per il tè...

Powered by Blogger.